• Il Foglio di Villa Greppi

Renata Valagussa: “Rendiamo possibile anche quello che sembra impossibile”


1980 - Anno di inizio servizio a Villa Greppi


2019 - Anno di fine carriera


Ha insegnato SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE negli indirizzi:

linguistico

scienze umane


Dopo tanti anni di servizio in questa scuola, quale eredità credi di lasciare? Come sarebbe stata questa scuola senza di te?

Non credo di aver lasciato una vera e propria eredità alla scuola, se non l’aver cercato di renderla a volte un po’ più umana, facendo sentire agli studenti che qualcuno li aveva a cuore, pur con le loro debolezze e difficoltà. Spero invece di aver lasciato un’eredità ai ragazzi che mi hanno avuta come insegnante, perché ho sempre cercato di renderli consapevoli e fiduciosi delle loro possibilità e trasmettendo loro la passione per il mio lavoro.


Quali sono i ricordi più belli che porterai sempre nel cuore, pensando agli anni passati a Villa Greppi?

I ricordi più belli sono sicuramente quelli legati a tutte le esperienze pratiche extra scolastiche che ha avuto la possibilità di fare con i ragazzi e con i colleghi. Mi riferisco alle uscite didattiche, alle gite, agli scambi, alle settimane di studio all’estero, ecc. Credo che tutto questo mi abbia fatto conoscere le persone in maniera più amichevole e profonda.


Durante la tua carriera la scuola è cambiata molto; cosa pensi sia cambiato in meglio e cosa in peggio?

In meglio: attualmente la scuola offre ai ragazzi molte più opportunità di conoscenza delle realtà esterne in ambiti diversi.

Per contro la libertà di azione per gli insegnanti è andata sempre più complicandosi e burocratizzandosi facendo diminuire la motivazione ad impegnarsi nel proporre esperienze fuori dalla scuola.


719 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti