• Il Foglio di Villa Greppi

GIOVANNI CITTERIO. Avrebbe detto: "Amate la vita".


1986 - Anno di inizio servizio a Villa Greppi


2018 - Anno di fine carriera

Ha insegnato MECCANICA e successivamente LABORATORIO DI FISICA


"Il prof. Giovanni Citterio ci ha tristemente lasciati lunedì 22 novembre 2021, in una grigia giornata uggiosa. Ha lasciato tutti costernati, perché nessuno sapeva della sua malattia.

E' stato un insegnante stimato, un uomo "per bene", sempre attento, cortese, disponibile. Una persona seria che sapeva prendere la vita con ironia, che sapeva apprezzare il bello, il piacere di vivere. Amava ballare e giocare a tennis, leggere, farsi due risate con gli amici. Ma era anche una persona molto discreta, e il fatto che nessuno sapesse della sua malattia ne è una dimostrazione.

Indimenticabili, per me, le feste organizzate a scuola, dove lui era uno dei protagonisti, le gite condivise a Barcellona e Praga, le uscite a teatro, le serate a ballare in discoteca, le lunghe chiacchierate.

Chi lo ha conosciuto come collega, e soprattutto come amico, non lo dimenticherà."

Claudia Molteni


"Ciao Giò, così, per trent’anni ti ho salutato quando scendendo nel nostro laboratorio di fisica ti incontravo. E tu sempre sorridente, solare, mai triste mi rispondevi “ehi prof.” Quasi che mi dovevi del rispetto. Ma quale rispetto! In quel laboratorio eri tu il prof. Perché solo tu ne conoscevi i mille segreti dei mille strumenti nascosti tra i mille armadi.

Era sempre un piacere starti ad ascoltare quando spiegavi agli studenti come fare un esperimento. Eri molto bravo nel farlo. Riuscivi sempre a catturare la loro attenzione con la tua preparazione, intelligenza e la tua sottile ironia. Per i ragazzi eri un punto di riferimento non solo come insegnante ma anche come un amico, quasi un padre o un fratello maggiore a cui rivolgersi quando erano in difficoltà o volevano semplicemente un consiglio perché pochi li sapevano ascoltare come sapevi fare tu.

Ehi Giò! che dire poi delle mille gite con le classi che abbiamo fatto insieme. Non ce ne perdevamo una. Quando c’era una proposta di gita nell’aria venivo subito a cercarti perché tu eri il collega ideale per uscire con i ragazzi.

Ciao Giò, mi mancano le mille chiacchierate che abbiamo fatto, e che avremmo fatto, sulla nostra amata fisica e su tutto, dalle cose più frivole ai discorsi più impegnati e seri.

Grazie Giò per quel collega e amico che sei stato per me e per tutti i villagreppini in tutti questi lunghi anni."

Walter Giuliani


Il prof. Citterio in due immagini create per l'Agenda scolastica:







834 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti